Buone notizie dagli Stati Uniti! L'Agenzia per la Protezione dell'Ambiente (EPA) ha deciso che anche la CO2 prodotta dalle centrali a carbone dovrà essere regolamentata. La dichiarazione arriva in seguito all'adozione del "Clear Air Act" del maggio 2007 che considera la CO2 un inquinante a tutti gli effetti e blocca, di fatto, il processo autorizzativo per i progetti di nuove centrali a carbone nel Paese. Negli Usa il combustibile fossile è responsabile di circa il 30% delle emissioni totali di gas serra. L'EPA avrà ora il compito di imporre nuove norme per la realizzazione delle centrali, attraverso l'imposizione delle migliori tecnologie a disposizione (Best Available Control Technology) per limitare le emissioni di CO2. Tutte le centrali a carbone in fase di autorizzazione – un centinaio circa – dovranno attendere le nuove disposizioni che arriveranno in un tempo compreso tra sei mesi e un anno. Per ora nessun nuovo impianto può entrare in funzione.

La decisione rappresenta, di fatto, una moratoria temporanea sulle nuove centrali a carbone. Greenpeace plaude l'iniziativa e crede che la decisione dia l'opportunità alla nuova amministrazione Obama di imporre stringenti standard per le emissioni di CO2 nella produzione di energia elettrica.

È ancora presto per dire quali tecnologie verranno prese in considerazione dall'EPA. Tra queste vi è la possibilità di introdurre standard di efficienza, obbligo di co-generazione per la produzione di elettricità e calore, o anche co-combustione di biomasse. Sembra improbabile che verrà introdotto l'obbligo di dotare gli impianti con tecniche di "cattura e stoccaggio della CO2" (CCS), visto che la tecnologia per impianti industriali non sarà disponibile almeno per i prossimi 15 anni.

La decisione ha congelato l'industria del carbone americana, almeno nel breve termine. Un rimedio efficace per la "febbre" del Pianeta!


 





Leave a Reply.