Dalla Cnn al Ny Times, passando per i giornali e i magazine di tutto ilmondo: basta navigare sui più importanti siti di informazione perrendersi conto che il boom per la bio architettura sta diventando unvero e proprio fenomeno di costume che si rivolge sempre di più algrande pubblico. Digitando «green building» sui motori di ricerca sitrovano quasi 5 milioni di pagine web e «nomi eccellenti» che si leganoad essa: dai guru dell’architettura e del design internazionali, perarrivare a star come Brad Pitt o la super model Gisele. E tutto questonon riguarda il «futuro» (cosa che avviene solo nel 18% dei siti edelle testate analizzate), ma un presente quanto mai attuale, tanto daoccupare in modo costante testate (on e off line) che si rivolgono algrande pubblico (65%) o che parlano di trend emergenti a livellointernazionale (20%).

Non solo, in tutto il mondo si sta affermando una «evoluzione» delconcetto di architettura sostenibile, ovvero «l’energy building», ilnuovo modo di costruire e arredare la casa tenendo conto delle piùmoderne tecniche di costruzione, i materiali più naturali esostenibili, ma anche le antichissime tecniche e filosofie, come ilfeng shui, nate per dare energia e benessere a chi nella casa ci abita.È quanto emerge dallo studio promosso da Cerchi nel Grano di Milano(www.cerchinelgrano.it), il primo spazio specializzato inbioarchitettura e bioedilizia, capace di offrire tutte le soluzioni econsulenze necessarie per l’energy building. Per lo studio sono statimonitorati e analizzati oltre 2.600 siti, blog, riviste on line e sitidi informazione dedicati ai nuovi trend, all’architettura eall’edilizia, al fine di individuare le nuove tendenze internazionaliche si stanno affermando.

È sufficiente digitare su un qualsiasi motore di ricerca il termine«green building», utilizzato in Usa per sintetizzare tutto ciò checoncerne architettura, urbanistica sostenibile, riduzione delleemissioni, utilizzo di materiali e tecniche legate allabioarchitettura, per trovarsi di fronte a 4 milioni 950 mila pagine webtra siti, articoli giornalistici, blog e forum. Persino in italianosono numerosi i siti che fanno riferimento a questo mondo: la sola«bioarchitettura» conta oltre 206 mila pagine dedicate. E lo stessovale per le «immagini», digitando green building su Google si trovano294 mila tra fotografie, rendering in 3d, disegni e progetti.
 





Leave a Reply.