È noto che il vapore rappresenta il gas serra più abbondante sulla Terra, ma il suo contributo al riscaldamento globale è tuttora materia di discussione. Utilizzando recenti dati ottenuti grazie ai satelliti della NASA, un gruppo di ricercatori della Texas A&M University a College Station hanno stimato più precisamente di quanto fatto finora l’effetto di intrappolamento dell’acqua nell’aria, confermando il ruolo critico del vapore nei cambiamenti climatici in atto.

Andrew Dessler e colleghi hanno confermato infatti che l’effetto di amplificazione del calore del vapor d’acqua è abbastanza potente da raddoppiare l’effetto dei livelli di biossido di carbonio in atmosfera.

Con nuove osservazioni, gli scienziati hanno confermato sperimentalmente ciò che i modelli climatici hanno anticipato per via teorica: utilizzando nuovi dati dello strumento Atmospheric Infrared Sounder (AIRS) a bordo del satellite Aqua della NASA, è stato possibile misurare con precisione l’umidità dello strato più basso dell’atmosfera per uno spessore di circa 15 chilometri. Tale informazione combinata con le osservazioni globali delle variazioni di temperatura, ha permesso ai ricercatori di realizzare un quadro completo della correlazione tra vapor d’acqua, biossido di carbonio e altri gas in grado di riscaldare l’atmosfera. I risultati sono stati illustrati recentemente su “Geophysical Research Letters” organo ufficiale dell’American Geophysical Union.

"Tutti sono d’accordo nell’affermare che aggiungendo biossido di carbonio in atmosfera ne conseguirà in innalzamento della temperatura, ma la domanda fondamentale è: di quanto? " ha spiegato Dessler.

La risposta può essere trovata proprio nella stima dell’intensità del feedback del vapor d’acqua. Aumentando il vapore, infatti, aumenta la temperatura; questo fenomeno a sua volta determina un maggiore assorbimento del vapore nell’atmosfera. Riscaldamento e presenza di vapor d’acqua, pertanto, alimentano un ciclo che si auto rinforza.

Questo feedback del vapor d’acqua, inoltre, può amplificare l’effetto di riscaldamento di altri gas serra.

"La differenza tra un feedback del vapor d’acqua intenso e uno non intenso è enorme” ha concluso Dessler.


 





Leave a Reply.